Tampere: premio per Uguaglianza e Diritti di Genere

Si e svolta il 6 marzo, a Tampere, la cerimonia di premiazione della prima edizione del premio per Uguaglianza e Diritti di Genere, istituito dal governo Finlandese nel 2017. L’ Equality Award è stato annunciato nel corso delle celebrazioni per i 100 anni di indipendenza del Paese nordico. Con scadenza biennale, il premio mira a promuovere l’uguaglianza e a sostenere il dibattito sui diritti di uomini e donne, e può essere ottenuto da una persona o un operatore che ha promosso l’uguaglianza di genere in modo significativo a livello internazionale.

Il premio  del valore di 150.000 euro è stato assegnato alla Cancelliera tedesca Angela Merkel con la seguente motivazione: “Con il suo impegno nel lavoro è diventata una delle persone più influenti del pianeta, ed un esempio per molte donne e ragazze. Rompendo gli schemi tradizionali, Angela Merkel ha dimostrato che le donne possono raggiungere ambiziosi ed importanti traguardi nella società”. Angela Merkel, non presente per impegni di lavoro, ha però presenziato con un video messaggio di ringraziamento a lungo applaudito dal pubblico in sala.

Come ha sottolineato con orgoglio il Primo ministro finlandese Juha Sipilä, la Finlandia è stato il primo paese in Europa, e uno dei primi al mondo, a garantire il diritto di voto alle donne nel1906. “E con questo premio intendiamo consolidare il valore dell’uguaglianza di genere in ogni altro paese del mondo.”

ll premio è stato poi devoluto a favore della ONG Nigeriana “SOS Women and Child Victims of Family Abuses” ed è stato ritirato dalla presidente Mariama Moussa, che ha ringraziato il Governo Finlandese e la Cancelliera tedesca e la giuria internazionale, prima di illustrare le attività dell’associazione ed i programmi di protezione e sviluppo per le donne ed i bambini vittime di violenze ed abusi in Nigeria.

Dopo la cerimonia di consegna del premio si è tenuta una tavola rotonda internazionale sulla parità di genere e sulla violenza contro le donne, tema quanto mai attuale a livello internazionale. Alla tavola rotonda, introdotta da Annika Saarikko, Ministro finlandese della famiglia e degli affari sociali, hanno partecipato  Jeannette Bougrab, direttrice dell’ Institut Français de Finlande, Katja Iversen, Presidente e CEO di Women Deliver, Dean Peacock, Co-Executive Director di Sonke Gender Justice, e Katja Pehrman, Senior Adviser di Coordination and Focal Point for Women all’ONU.

Durante la la discussione è  emersa l’esigenza e la volontà di trattare il problema della violenza sulle donne e sulla differenza di genere come una priorità per i governi e le istituzioni, e si è sottolineata la necessità di cominciare da un netto cambiamento nel linguaggio e nelle immagini stereotipate che troppo spesso vengono utilizzate per definire i soggetti più deboli o diversi.

Il pubblico numeroso e attento ha seguito con interesse la cerimonia e la tavola rotonda, che è stata trasmessa in diretta dalla TV Nazionale Finlandese Yle, e si è poi conclusa dandosi appuntamento per l’anno 2019.

La Rondine – 7.3.2018