La rivoluzione del trasporto pubblico di Helsinki

La rivoluzione arriva in ritardo di quasi quattro anni, ma sabato 27 aprile entrerà in vigore il nuovo sistema di zone e tariffe della HSL, l’azienda trasporti della regione di Helsinki.

Questa riforma, costata cento milioni di euro, ha coinvolto tutti i dipendenti dell’azienda e incluso la sostituzione di tutte le tessere in circolazione, l’aggiornamento degli oltre 3000 lettori e dei 500 distributori automatici di biglietti, e una campagna di comunicazione che ha tentato di raggiungere le centinaia di migliaia di viaggiatori che ogni giorno usano i mezzi HSL.

A causa dell’aggiornamento del software, nella giornata di sabato non sarà possibile comprare biglietti o ricaricare le tessere sia nei punti vendita come gli R-Kioski che in gran parte dei distributori automatici. Il modo più facile di comprare un biglietto è probabilmente attraverso l’app HSL.

Il più grosso e visibile cambiamento di questo nuovo sistema è nella divisione delle zone: fino a ieri i biglietti seguivano i confini dei comuni, con un biglietto locale che permetteva di muoversi all’interno di Helsinki, Espoo o Vantaa, e un biglietto regionale che consentiva il passaggio da una municipalità all’altra.

Le nuove zone e i tipi di biglietti del trasporto pubblico della regione di Helsinki. Grafica HSL

Il nuovo sistema divide invece la regione in quattro zone concentriche, marcate dalla A alla D. Non è possibile comprare un biglietto per una singola zona, ma ogni biglietto ne deve includere sempre almeno due.
Chi ha preso il trasporto pubblico a Berlino o a Stoccolma qualche anno fa (la capitale svedese ha però abbandonato il sistema a zone per uno a biglietto unico) sarà familiare con il modello.

In pratica aumenta il costo del biglietto singolo, che passa da 2,20€ a 2,80€, ma la zona che si può percorrere è più vasta e anche la validità del biglietto è stata estesa a 80 minuti, che diventano 110 nel biglietto per tutte le zone.
Avendo questo minimo di due zone, non si penalizzano più i viaggi brevi tra due comuni e si può andare da un capolinea all’altro della metropolitana con lo stesso biglietto AB.

Il nuovo sistema a zone avvantaggia molte delle persone che abitano in un comune ma lavorano in un altro. Per chi ad esempio vive a Helsinki nella zona A ma lavora nella zona B di Espoo o Vantaa (e viceversa) vedrà il costo dell’abbonamento mensile abbassarsi dai 106,50€ del vecchio Lähiseutu a 59,70€ delle zone AB.
Anche gli abbonati che fanno viaggi occasionali in altre zone vedranno i costi calare: ora potranno infatti comprare un biglietto singolo con una zona aggiuntiva per 2,80€. In precedenza anche chi aveva un abbonamento urbano doveva comunque pagare il prezzo pieno dell’interurbano.

Per la maggior parte di chi abita più lontano, in particolare nella zona C di Vantaa i costi cresceranno leggermente.
A rimetterci di più saranno le persone che per lo più si muovono all’interno di un comune o usano esclusivamente il tram, perché scompare il biglietto ridotto “solo tram”. Anche comprare i biglietti dall’autista conviene ancora meno: il costo di un singolo AB sale a 4€.

Le riduzioni per pensionati e invalidi sono semplificate e raggruppate tutte al 50%. Gli studenti hanno invece uno sconto del 45%, che ora include anche gli over 30.

Per i turisti i costi calano leggermente con il biglietto giornaliero che scende da 9€ a 8€, con
a 4€ per ogni giorno aggiuntivo fino ai 32€ del settimanale.
Il biglietto 12 ore andata e ritorno da Suomenlinna resta invariato a 5€.

Le nuove tariffe complete sono sul sito HSL: https://www.hsl.fi/sites/default/files/uploads/liput_ja_hinnat_taulukko_uudet_vyohykkeet.pdf


Iscriviti alla newsletter