Sanna Marin in quarantena

Da giovedì 23 aprile il pimo ministro finlandese Sanna Marin è in quarantena, dopo che un dipendente della residenza ufficiale del Primo Ministro a Kesäranta  è risultato infettato dal coronavirus.

La premier lavorerà in remoto da Kesäranta fino a nuovo avviso, riferisce un comunicato del governo, che definisce la decisione una misura precauzionale. Kesäranta (in svedese Villa Bjälbo) è la residenza ufficiale del Primo MInistro, e si trova nella zona di Meilahti, alla periferia di Helsinki. Costruita nel 1873 dall’architetto Frans Ludvig Calonius, venne prima acquisita nel 1904 dal Granducato, come residenza del Governatore generale russo, poi, a partire dall’Indipendenza, è diventata la residenza ufficiale del Primo ministro finlandese.

Il premier era stato informato mercoledì che un addetto dello staff di Kesäranta era risultato positivo al test COVID-19 alla fine della scorsa settimana e collocato in quarantena sin dalla comparsa dei sintomi all’interno di una cerchia ristretta, rimanendo asintomatico. Durante il suo lavoro a Kesäranta, questa persona, tuttavia, non incontrava il Primo Ministro, né suoi familiari o suoi collaboratori. La possibilità di esposizione è quindi estremamente bassa ed il Primo Ministro continuerà a lavorare normalmente utilizzando le modalità di accesso remoto.

Giovedì 23 Sanna Marin, utilizzando connessioni remote, partecipa alla riunione del Comitato ministeriale per gli affari dell’Unione europea, all’audizione della Grande Commissione del Parlamento finlandese e alla videoconferenza del Consiglio europeo.

Il Primo Ministro è in fase di test per il coronavirus e per il momento sta continuando a lavorare grazie a sistemi di accesso remoto; ma è asintomatica e si sente bene.