Lo Stato finlandese ricapitalizza Finnair

La compagnia aerea di bandiera finlandese, Finnair, ha annunciato che la società prepara l’emissione di azioni in quanto le perdite causate dalla situazione COVID-19 hanno ridotto il patrimonio netto della società; lo Stato finlandese, in quanto proprietario della maggioranza del pacchetto azionario, sostiene l’iniziativa.

A causa dell’incertezza della situazione del mercato, la commissione ministeriale per la politica economica finlandese è favorevole a che il Parlamento chieda un mandato di spesa fino a 700 milioni di euro per partecipare agli accordi di ricapitalizzazione di Finnair, tra cui l’emissione di azioni pianificata e qualsiasi altro accordo. Secondo il piano della società, l’emissione totale della quota sarebbe stimata in 500 milioni di euro. Lo Stato della Finlandia è titolare attualmente del 55,8 per cento delle azioni e dei voti di Finnair.

“Gli effetti della crisi COVID-19 sul trasporto aereo nel suo complesso, e quindi anche su Finnair, uno degli operatori più forti del settore, sono stati sconvolgenti. Lo Stato desidera assicurarsi in anticipo di essere pronto a sostenere adeguatamente la solvibilità della società in diverse situazioni. Oggi più che mai, in quanto proprietario responsabile a lungo termine, lo Stato deve impegnarsi per garantire che la Finlandia disponga anche di una solida compagnia aerea in futuro”, ha spiegato la ministra per gli affari europei Tytti Tuppurainen, ministra responsabile per le partecipazioni statali.

Finnair è una società di interesse strategico per lo Stato. I collegamenti aerei internazionali sono essenziali per la Finlandia e la compagnia svolge un ruolo importante nell’economia finlandese. Ad esempio, dal punto di vista turistico, i collegamenti aerei sono fondamentali. Negli ultimi anni, le industrie finlandesi dei servizi e del turismo sono cresciute in modo significativo mentre il turismo è fiorito nel paese. Buoni collegamenti sono anche fondamentali per l’attività di export e le rotte nazionali svolgono un ruolo chiave nel garantire l’accessibilità regionale. Il bilancio del primo trimestre 2020,appena reso noto, indica una perdita di circa 91 milioni di € rispetto allo stesso periodo del 2019, mentre la compagnia sta attualmente gestendo una rete ridotta di collegamenti ed incrementando quella cargo. Peraltro, la compagnia stima che il recupero del traffico aereo inizierà a tappe dall’inizio di luglio 2020. Tuttavia, il ritmo della ripresa non può essere valutato in questa fase, lasciando poco chiare le prospettive per la seconda metà del 2020 per cui Finnair si sta preparando per il futuro con diversi scenari per avere la capacità di adattare rapidamente la sua capacità alle mutevoli esigenze. Finnair stima che con l’attuale rete minima, il suo risultato operativo comparabile sarà una perdita giornaliera di circa 2 milioni di euro nel secondo trimestre, nonostante le rettifiche di costo. A causa della situazione attuale, le entrate di Finnair diminuiranno in modo significativo nel 2020 rispetto al 2019. La perdita operativa comparabile sarà significativa durante l’esercizio e quindi la società aggiornerà anche i suoi obiettivi finanziari per il periodo di strategia.

A latere della presentazione della trimestrale, il CEO Topi Manner ha dichiarato: “Abbiamo iniziato il nostro anno con forza, con lo sviluppo di gennaio notevolmente migliore del previsto. Tuttavia, da febbraio in poi, la situazione coronavirus ha causato un drammatico cambiamento nelle entrate – un cambiamento non paragonabile con nulla nell’intera storia centenaria dell’aviazione commerciale. Durante il trimestre, le nostre entrate sono diminuite del 16% a 561 milioni di euro. Gli effetti sono stati visibili in tutte le nostre aree di traffico e il numero di passeggeri è diminuito del 15,6 per cento. Nonostante determinate riduzioni dei costi, il nostro risultato operativo comparabile è diminuito significativamente di anno in anno e la perdita operativa è stata di 91,1 milioni di euro. Abbiamo annunciato le misure adottate per ridurre i nostri costi. Abbiamo compiuto buoni progressi nel conseguimento di questi risparmi. Queste misure, che sono necessarie in questa situazione, includono licenziamenti temporanei per molti dipendenti Finnair. Altre misure includono un forte adeguamento della nostra rete, nonché tagli ai costi di vendita e marketing, accordi con i fornitori, costi IT e investimenti. Allo stesso tempo, gli stipendi della direzione saranno ridotti del 15% e il Consiglio rinuncerà alla propria remunerazione nella stessa proporzione. Grazie ai nostri rigorosi sforzi di adeguamento dei costi, abbiamo iniziato il secondo trimestre con un livello di oneri inferiore di circa il 70% rispetto al livello mensile precedente il periodo di coronavirus. Escludendo l’ammortamento, i costi sono diminuiti dell’80%. L’impatto delle misure di adeguamento si rifletterà più chiaramente sui costi durante il secondo trimestre, quando gestiremo una rete minima corrispondente a circa il 5% della nostra capacità.

Il coronavirus è un duro colpo per l’aviazione globale e per Finnair. Nell’attuale trimestre, la maggior parte della nostra flotta è a terra. Alla fine del primo trimestre, i nostri fondi di liquidità erano di 833 milioni di euro, incluso un credito revolving da 175 milioni di euro. Nel caso in cui queste circostanze eccezionali continuino, abbiamo elaborato un piano di finanziamento aggiuntivo, che include un prestito di premio pensionistico di 600 milioni di euro da stipulare, se necessario, nonché accordi di vendita e locazione di aeromobili. Anche se la situazione del coronavirus continua, la posizione in contanti di Finnair sarà assicurata oltre la prima metà del 2021.A causa di circostanze eccezionali, per il 2019 non verrà pagato alcun dividendo”.

Intanto il coro dei dipendenti Finnair, Finnair Singers, ha diffuso, in modo beneaugurante, sui social media, un’esecuzione virtuale della canzone “We’ll meet again”.