Finlandia, frontiere aperte all’Italia dal 13 luglio

Nella riunione del 23 giugno, il governo finlandese di  Sanna Marin ha ricevuto una relazione sulle misure da adottare in base alla valutazione del gruppo di esperti sulla crisi guidato dal segretario Martti Hetemäki. Oltre a una relazione sull’attuale situazione epidemiologica.

Su queste basi, il governo ha convenuto che, a partire dal 13 luglio, venga revocato il controllo delle frontiere interne ed anche le restrizioni al traffico tra la Finlandia e i paesi in cui l’incidenza di COVID-19 è simile a quella dei paesi in cui il controllo di frontiera interna è già stato revocato. Questi paesi sono Norvegia, Danimarca, Islanda e paesi baltici. Allo stato attuale, il valore limite è un massimo di otto nuovi casi di malattia per 100.000 persone nei 14 giorni precedenti. Sulla base dell’attuale sviluppo dell’epidemia, ritiene quindi possibile revocare il controllo delle frontiere interne per i seguenti paesi Schengen: Germania, Italia, Austria, Grecia, Svizzera, Slovacchia, Slovenia, Ungheria e Liechtenstein. Inoltre, sarebbero ammessi viaggi verso la Finlandia dalla Croazia, da Cipro e dall’Irlanda, che sono Stati membri dell’UE ma non fanno parte dell’area Schengen.

Tuttavia, il governo continuerà a valutare la situazione generale nell’area di Schengen e negli Stati membri dell’UE fino al 10 luglio e aggiornerà l’elenco dei paesi in base allo sviluppo dell’epidemia in quel momento. Il governo deciderà in merito in una sessione plenaria del 10 luglio 2020. La compagnia aerea finlandese Finnair aveva deciso la ripresa dei collegamenti con l’Italia dal 2 agosto prossimo, ma è possibile possa anticiparli.

Sulla base dell’attuale valutazione epidemiologica, il controllo delle frontiere interne e le restrizioni di viaggio continuerebbero tra Finlandia e Paesi Bassi, Belgio, Spagna, Lussemburgo, Malta, Portogallo, Polonia, Francia, Svezia e Repubblica ceca, ad eccezione della nautica da diporto.

Tuttavia, chiunque viaggi dalla Finlandia verso questi paesi deve ricordare di verificare le restrizioni all’ingresso nel paese di destinazione poiché potrebbero avere proprie restrizioni in vigore per i viaggiatori.

Raccomandazione del governo sul lavoro a distanza si concluderà il 1° agosto

Nella sua riunione, il governo ha dichiarato che la raccomandazione di lavorare a distanza dovrebbe cessare il 1 ° agosto a causa del miglioramento della situazione epidemiologica. Le vacanze estive di luglio consentiranno una transizione flessibile e graduale verso le normali condizioni di lavoro ma il governo esaminerà la questione se lo sviluppo dell’epidemia lo richiedesse. Al fine di prevenire una seconda ondata dell’epidemia, si ritiene necessario seguire da vicino gli effetti dell’eliminazione delle restrizioni.

Revoca delle raccomandazione per le persone con più di 70 anni di evitare contatti fisici

Il governo non emetterà più una raccomandazione basata sull’età di evitare contatti fisici, ma sempre consigliando un approccio cauto in base alla discrezione individuale,  tenendo conto della situazione generale e dei singoli fattori di rischio. Evitare i contatti stretti è stato efficace nel proteggere le persone anziane dalle infezioni da coronavirus ma, nonostante i suoi benefici, l’attuazione pratica della raccomandazione ha avuto anche ripercussioni negative sul benessere fisico, psicologico e sociale e sulla capacità funzionale delle persone di età superiore ai 70 anni. Se necessario, il Ministero degli affari sociali e della salute e l’Istituto finlandese per la Salute e il Benessere pubblicheranno linee guida sull’igiene ed altre istruzioni, nell’ambito delle rispettive competenze, che possano aiutare a ridurre il rischio di contagio tra le persone anziane.

(Foto del titolo da yle.fi. Per le immagini pubblicate, siamo pronti a far fronte alle richieste di copertura dei diritti)