Banca di Finlandia: per la crisi investimenti di quasi 100 miliardi

Il normale funzionamento dell’economia dipende da un’agevole intermediazione finanziaria. Durante le crisi economiche il flusso dei finanziamenti rischia di essere ostacolato dall’incertezza e viene in primo piano il ruolo della banca centrale come garante dell’intermediazione finanziaria. Le operazioni delle banche centrali dell’area dell’euro hanno già subito cambiamenti durante la crisi finanziaria globale e la crisi del debito sovrano europeo, poiché è stato ampliato il campo di applicazione della politica monetaria.

I nuovi strumenti hanno incluso prestiti mirati a più lungo termine alle banche, acquisti di attività su larga scala e linee di prospettiva.

“Le situazioni di crisi sottolineano i vantaggi della cooperazione. In quanto parte dell’area dell’euro, le banche e i mercati finanziari finlandesi hanno accesso agli stessi canali di finanziamento con requisiti simili a quelli di altre entità dell’area”, ha affermato Tuomas Välimäki, membro del consiglio di amministrazione della Banca di Finlandia, in un suo recente intervento. L’inizio della pandemia di coronavirus ha spinto l’Eurosistema a esplorare ulteriormente l’attuazione della politica monetaria in modi che hanno mitigato il declino economico e le turbolenze del mercato.

foto Karoliina Vuorenmäki, Suomen Pankki

“In situazioni di crisi, è compito della banca centrale agire con decisione per salvaguardare la stabilità dei prezzi e rafforzare la crescita e l’occupazione”, ha sottolineato Välimäki. Acquistando attività, l’Eurosistema aumenta la quantità di liquidità nel sistema finanziario e abbassa i tassi di interesse sui mercati obbligazionari. Ciò riduce i costi di finanziamento per le imprese, le banche, i paesi sovrani e, in ultima analisi, le famiglie. Ciò è attualmente richiesto dalle deboli prospettive per l’attività economica e l’inflazione.

La Banca di Finlandia ha acquistato 57 miliardi di euro di attività tramite operazioni di politica monetaria. Sul totale, quasi 30 miliardi di euro sono beni acquistati nell’ambito del programma di acquisto del settore pubblico. Inoltre, nell’ambito del programma di acquisto di emergenza in caso di pandemia, sono stati acquistati beni per un valore di poco superiore a 7 miliardi di euro. La maggior parte delle attività acquistate nell’ambito di entrambi i programmi sono obbligazioni sovrane finlandesi. Nell’ambito di questi programmi, le banche centrali nazionali dell’Eurosistema acquistano obbligazioni emesse dai loro enti nazionali sovrani e si assumono qualsiasi rischio associato.

Anche le condizioni di finanziamento sono state allentate grazie alla fornitura di liquidità alle banche operanti in Finlandia. In risposta alla pandemia di coronavirus, in primavera l’Eurosistema ha ulteriormente abbassato i tassi di interesse sui prestiti mirati. “Offrendo finanziamenti della banca centrale a tassi eccezionalmente convenienti, siamo in grado di facilitare i prestiti bancari alle imprese e alle famiglie finlandesi durante la pandemia. L’assunzione da parte delle banche dei finanziamenti della banca centrale è stata da record”, ha precisato Välimäki. La politica delle garanzie delle banche centrali mira a sostenere gli obiettivi della politica monetaria, della stabilità finanziaria e del funzionamento dei mercati. Allentando i requisiti di garanzia durante la pandemia di coronavirus, l’Eurosistema ha assicurato che le banche continuassero a concedere prestiti all’economia reale.

“Garantire la sufficienza delle garanzie consente alle banche di utilizzare appieno le operazioni di rifinanziamento a lungo termine ed a basso tasso di interesse dell’Eurosistema. Oltre alle misure comuni di allentamento delle garanzie dell’Eurosistema, la Banca di Finlandia adotterà il proprio quadro di richiesta di credito aggiuntivo a partire da settembre 2020. Ciò sosterrà il continuo prestito bancario, in particolare alle imprese che sono state colpite dalla pandemia”, ha aggiunto il banchiere.

Nelle prime fasi della pandemia la Banca di Finlandia ha anche sostenuto l’intermediazione finanziaria con le sue attività di investimento. Gli acquisti di titoli di credito da parte della banca centrale sono stati in grado di stabilizzare questi mercati interni in un contesto in cui altri investitori si erano ritirati. “Gli acquisti di titoli di credito nazionali da parte della Banca di Finlandia hanno contribuito a stabilizzare l’attività di mercato e ad allentare la pressione esercitata sui prestiti bancari alle imprese”, ha concluso Välimäki.

https://www.suomenpankki.fi/en/

(Foto del titolo da yle.fi. Per le immagini pubblicate, siamo pronti a rispondere dei diritti relativi)