L’industria del turismo in ginocchio anche in Finlandia

Intervistiamo Heli Mäki-Fränti sulla crisi profonda del settore

In molti paesi, il COVID-19 ha messo in ginocchio l’industria dei viaggi e il giro d’affari del turismo; lo ha fatto e lo sta facendo pesantemente in Italia, ma non diversamente avviene in un paese, la Finlandia, ove i viaggi, specie all’estero, sono una lunga, consolidata abitudine. Abbiamo fatto il punto sulla questione con la signora Heli Mäki-Fränti, direttrice generale dal 2007 della Associazione Finlandese degli Agenti di Viaggio, SMAL, più o meno l’equivalente della FIAVET in Italia.

Recentemente la vostra Associazione ha diffuso una nota in cui critica il governo per la sua attività nei confronti delle sofferenze del settore dei viaggi: può riassumere tali critiche?

Heli Mäki-Fränti

Insieme alla nostra organizzazione principale europea, ECTAA, la nostra associazione SMAL ha invitato gli Stati membri a gestire meglio le restrizioni di viaggio e le informazioni inerenti i viaggio per contribuire a ripristinare il turismo e la fiducia nei viaggi. Il che vale specificamente anche per la Finlandia. Il settore turistico finlandese riconosce naturalmente l’importanza della salute, della sicurezza e della protezione delle persone quando si prendono decisioni in questi tempi difficili. Tuttavia, durante il COVID-19, il governo finlandese ha adottato un approccio alquanto rigoroso su regole e linee guida che riguardano i viaggi e il turismo da e verso la Finlandia. Queste regole attuali – che diventano ancora una volta più stringenti dal 24 agosto – in pratica rendono impossibile per il travel trade finlandese operare nell’ambito dei viaggi, sia i viaggi in entrata che i viaggi in uscita, con riferimento a destinazioni internazionali.

Abbiamo chiesto al nostro governo di seguire un approccio più europeo quando si tratta di dati per un criterio su un numero cumulativo di 14 giorni di casi COVID-19 ogni 100.000. In Finlandia questo numero è 8. La raccomandazione della Commissione europea è 16 e questa è seguito dalla maggior parte degli Stati membri. Inoltre ci auguriamo che invece di seguire questi numeri a livello di Paese, i controlli vengano effettuati a livello regionale (ad esempio prendendo il dato numerico per le Isole Canarie invece dell’intera Spagna). Inoltre, alcuni ministri hanno espresso le loro opinioni su alcune questioni senza il consenso dell’intero governo e forse anche senza alcuno status giuridico, e in generale ci sono molte opinioni dei singoli ministri espresse contro i viaggi e il turismo. In questo quadro è quasi impossibile per il settore dei viaggi operare per non parlare di far tornare i propri dipendenti al lavoro da licenziamenti temporanei.

Quali misure ha preso il governo per aiutare il settore, quanto finora è stato investito finanziariamente?  E queste misure sono giuste o SMAL ne suggerisce di diverse?

Come tutte le altre aziende, anche quelle che operano nel settore dei viaggi e turismo hanno avuto l’opportunità di richiedere un sostegno finanziario (sovvenzione) dall’agenzia nazionale Business Finland o dai centri ELY , sovvenzioni destinate allo sviluppo delle nuove operazioni dell’azienda, la quale deve dimostrare in seguito come il denaro è stato utilizzato per nuovi prodotti o altri sviluppi. Alcuni membri SMAL hanno fatto domanda e ricevuto questa sovvenzione, ma il problema è che non può essere utilizzata per costi e danni causati da COVID-19. Alcuni dei nostri associati hanno anche fatto domanda e ricevuto supporto per i costi aziendali dalla Tesoreria dello Stato (Valtiokonttori). Tuttavia, la maggior parte degli agenti di viaggio e degli operatori turistici non riceverà nulla di questo sostegno poiché i criteri non soddisfano i costi reali delle agenzie di viaggio e degli operatori stessi. Il supporto ai costi aziendali è calcolato sulla base dei costi originati nei mesi di aprile e maggio 2020.

In quei mesi la maggior parte degli agenti e degli operatori aveva già licenziato la maggior parte del personale e i proprietari si sono concentrati sul rimborso dei propri clienti per viaggi e vacanze annullati. Nella maggior parte dei casi i soldi sono stati rimborsati ai clienti anche se gli agenti di viaggio / operatori non avevano ricevuto denaro dai fornitori a cui i pagamenti erano già stati trasferiti. Anche altri costi (affitto, elettricità, ecc.) che sarebbero stati approvati dal Valtiokonttori erano relativamente bassi per i richiedenti.

Quando la legge sul sostegno ai costi aziendali è stata preparata in due ministeri, SMAL ha proposto una soluzione che avrebbe tenuto conto delle particolarità dell’agenzia di viaggi / tour operator; avevamo suggerito che per questo settore Valtiokonttori avrebbe dovuto accettare i costi originati dai viaggi che avrebbero dovuto svolgersi nei mesi di aprile e maggio. Questi viaggi e vacanze sono stati prodotti, commercializzati e venduti molto prima del momento effettivo del viaggio. Purtroppo la nostra proposta non è stata presa in considerazione dai legislatori o dal Valtiokonttori.  Quindi, i danni causati dalla perdita di affari sono enormi e continuiamo a lavorare per un altro sostegno del governo, in particolare per le aziende che operano nel settore dei viaggi e del turismo internazionali (in entrata e in uscita dalla Finlandia).

Foto Yle.fi

Quanti dei vostri 190 iscritti hanno dovuto interrompere le loro attività, quanti hanno ripreso e quanti hanno chiuso per non riaprire?

Finora solo pochissimi associati hanno chiuso le loro attività, ma molti lo stanno seriamente prendendo in considerazione. Non si tratta di un’attività redditizia “enorme e folle”, ma per molti professionisti del viaggio questo lavoro è una vocazione. È un vero peccato se queste persone meravigliose e dedicate perdono la fiducia nel futuro di questa attività.

Avete calcolato, approssimativamente, le perdite del settore? Quanti lavoratori hanno perso il lavoro?

La perdita di fatturato dei nostri soci agenti di viaggio e tour operator è già dell’ordine di centinaia di milioni di euro. Le vendite totali di tutti i nostri soci agenti di viaggio e tour operator (business / leisure, incoming / outbound / domestic) nel 2019 sono state di circa 2,1 miliardi di euro. Se l’attività non ripartirà presto e al più tardi in autunno, il calo delle vendite totali (oltre che del fatturato) potrebbe essere dell’80-90 per cento. Finora le aziende hanno licenziato temporaneamente il proprio personale, ma se non ci saranno cambiamenti nell’attività, probabilmente vedremo purtroppo più soluzioni permanenti.

Ringraziamo la signora Mäki-Fränti per la franchezza con cui ha espresso le sue preoccupazioni. Per aggiungere qualche cifra esemplificativa del problema, ci permettiamo di sottolineare che in Finlandia il settore dei viaggi contribuisce all’economia nazionale per un valore di circa 16 miliardi euro, più del settore forestale. Il trasporto aereo, molto utilizzato nei viaggi per diporto, ha un effetto moltiplicatore per l’occupazione di circa 100.000 addetti occupati e, nel complesso, questo settore industriale vale il 2,6% del PIL nazionale.

Qualche dato sulla SMAL. È un consorzio di circa 190 agenzie di viaggio, tour operator e agenzie di incoming che rappresentano gli interessi dei suoi membri nelle relazioni con le autorità pubbliche, i legislatori e nel campo delle organizzazioni nazionali e internazionali. Le vendite totali delle aziende associate a SMAL nel 2019 sono state di oltre 2,0 miliardi di EUR, che rappresenta circa il 95% delle vendite totali del settore in Finlandia. I soci SMAL impiegano in patria e all’estero un totale di circa 2500 addetti. MATKA Nordic Travel Fair, il più grande evento fieristico  di viaggi e turismo del Nord Europa, è commissionato da SMAL.

http://www.smal.fi/fi/topmenu/In-English

(Per le immagini pubblicate, siamo pronti a rispondere dei diritti relativi)