Europa e Finlandia sulla condizione femminile in Afghanistan

In una dichiarazione congiunta, i ministri degli Esteri di Norvegia, Danimarca, Germania, Francia, Paesi Bassi, Italia, Svizzera, Regno Unito, Stati Uniti, Canada, Australia, Giappone e l’Alto rappresentante dell’Unione europea esprimo la propria seria preoccupazione per il fatto che l’ordine sconsiderato e pericoloso dei Talebani di vietare il lavoro alle donne che fanno parte di organizzazioni non governative (ONG) nazionali e internazionali mette a rischio milioni di afgani che dipendono dall’assistenza umanitaria per la loro sopravvivenza. Si chiede ai Talebani di revocare urgentemente questa decisione.

Le donne sono assolutamente fondamentali per le operazioni umanitarie e di base.  Se non partecipano alla distribuzione degli aiuti in Afghanistan, le ONG non saranno in grado di raggiungere le persone più vulnerabili del Paese per fornire cibo, medicine,  svernamento e altri materiali e servizi di cui hanno bisogno per vivere. Ciò influirebbe anche sull’assistenza umanitaria fornita dalle Organizzazioni Internazionali, che utilizzano le ONG per fornire tali materiali e servizi. I Talebani continuano a dimostrare il loro disprezzo per i diritti, le libertà e il benessere del popolo afghano, in particolare delle donne e delle ragazze, e il loro disinteresse per le normali relazioni con la comunità internazionale.

“Sosteniamo gli appelli del popolo afghano affinché le ragazze e le donne tornino a lavorare, a scuola e all’università, e affinché continuino a svolgere ruoli essenziali nella fornitura di assistenza umanitaria e per i bisogni di base, ed esortiamo i Talebani a rispettare i diritti politici, economici, sociali e culturali delle donne e delle ragazze in Afghanistan. A tal fine siamo in stretto contatto con le Nazioni Unite, che sollecitano, anche a nome di tutti i donatori internazionali, i Talebani a revocare immediatamente questa decisione. Ciò eviterebbe qualsiasi interruzione e consentirebbe la continuazione di tutte le operazioni umanitarie delle ONG internazionali e nazionali”.

Intanto, il Ministero degli Affari Esteri finlandese ha presentato alla Commissione Affari Esteri del Parlamento nazionale una relazione sulle attività della Finlandia in Afghanistan dal 2001 al 2021.

Il rapporto fornisce una panoramica concisa delle attività in Afghanistan, sia in termini di gestione militare e civile delle crisi che di cooperazione allo sviluppo, e valuta gli obiettivi, i risultati e l’efficacia delle attività finlandesi. Il rapporto comprende anche una sezione separata sull’operazione di evacuazione dell’agosto 2021. Il coinvolgimento della Finlandia in Afghanistan è avvenuto nell’ambito delle attività della comunità internazionale, mirando a stabilizzare la situazione della sicurezza in Afghanistan, a promuovere la ricostruzione afghana, lo sviluppo sostenibile e i diritti umani, a migliorare la sicurezza internazionale e la sicurezza nazionale della Finlandia ed a rafforzare il ruolo e la presenza internazionale della Finlandia e dell’UE. La missione in Afghanistan è stata per molti versi unica e si è svolta in circostanze estremamente difficili per tutto il periodo della presenza.

“La partecipazione all’Afghanistan ha rafforzato i partenariati internazionali della Finlandia e la sua posizione di attore responsabile, credibile e affidabile. La partecipazione alla comunità internazionale in Afghanistan è stata anche un’importante esperienza di apprendimento per la Finlandia, che ha influenzato lo sviluppo della nostra legislazione sulla gestione delle crisi, l’attuazione della cooperazione allo sviluppo e il funzionamento delle forze di difesa finlandesi. Gli obiettivi chiave in Afghanistan non sono stati raggiunti completamente o in modo sostenibile, ma molti risultati di sviluppo sono di natura tale che nessuno può cancellarli”, ha dichiarato il Ministro degli Esteri Pekka Haavisto. Nel ventennio 2001-2021 l’impegno finanziario finlandese per l’intervento in Afghanistan è ammontato a quasi  398 milioni €.

Il rapporto del Ministero degli Affari Esteri fa parte di una più ampia valutazione da parte dell’Amministrazione statale della presenza della Finlandia in Afghanistan tra il 2001 e il 2021. Il rapporto sull’Afghanistan del Ministero della Difesa è stato pubblicato nell’agosto 2021. Un rapporto completo sulla gestione delle crisi in Afghanistan sarà completato nel corso del 2023 nell’ambito delle attività di studio e ricerca del Governo.  

(Foto Formin)