Finlandia: l’economia torna a crescere ma persistono incertezze

A causa del calo degli investimenti e dei consumi delle famiglie, nel 2023 l’economia finlandese ha subìto una fase recessiva. Il debole sviluppo economico collegato con la rapida crescita della spesa manterrà le amministrazioni pubbliche persistentemente in deficit. Il disavanzo pubblico sarà pari o peggiore del 3% per diversi anni, secondo le stime del Ministero delle Finanze nella sua indagine economica, pubblicata il 19 dicembre scorso.

L’economia finlandese è stata debole nell’ultima parte dell’anno e il PIL finlandese nel 2023 subisce una contrazione dello 0,5%. Nella prima parte del 2023 la situazione economica è stata più debole rispetto alle stime precedenti e nel terzo trimestre la produzione è nettamente diminuita. L’edilizia è nella situazione più critica ma la recessione si fermerà e l’economia tornerà a crescere nel 2024. Il rallentamento dell’inflazione e il calo dei tassi di interesse, combinati con una crescita del reddito familiare moderatamente forte, aumenteranno il potere d’acquisto delle famiglie. I consumi privati ​​sono destinati a tornare ad una crescita contenuta che si rafforzerà nel 2025. Il calo dei tassi di interesse sosterrà gli investimenti, così come gli investimenti nella transizione energetica e nella difesa. Nel 2024 il Pil crescerà dello 0,7%. La crescita si rafforzerà al 2,0% nel 2025 e all’1,6% nel 2026.

“Anche se le condizioni economiche dovessero diventare più favorevoli il prossimo anno, l’economia finlandese si troverà di fronte ad un futuro incerto. Le prospettive per le finanze pubbliche sono fosche da molto tempo, e anche adesso non si vede la luce. Spiacevoli sorprese come l’aumento dei prezzi e dei tassi di interesse hanno bloccato la circolazione dell’economia in una situazione in cui l’economia finlandese aveva già bisogno di un’angioplastica”, afferma il direttore generale Mikko Spolander.

Il rallentamento dell’inflazione e il calo dei tassi di interesse stimoleranno i consumi e gli investimenti

nel 2023 l’inflazione ha rallentato rapidamente ma sarà ancora pari al 2% in media nel 2024 e scenderà al di sotto del 2% nel 2025 e nel 2026. I guadagni reali si trasformeranno in crescita nel 2024. L’incremento del potere d’acquisto delle famiglie rimarrà tuttavia contenuto, a causa dell’indebolimento dell’occupazione e dei tagli delle prestazioni sociali che frenano la crescita dei redditi. Dal 2025 in poi, il potere d’acquisto delle famiglie e la crescita dei consumi accelereranno.

La costruzione di nuove abitazioni è in forte calo e continuerà nel 2024. Tuttavia, la domanda di alloggi è dovuta all’immigrazione e alla migrazione interna. Il calo dei tassi di interesse stimolerà il mercato immobiliare e la nuova produzione aumenterà a partire dal 2025. Nonostante le impegnative prospettive di breve termine, le imprese avranno una forte necessità di investire nei prossimi anni e le aspettative per gli investimenti produttivi sono positive. 

L’occupazione diminuirà, ma resterà elevata

Nel 2023, le esportazioni dalla Finlandia diminuiranno, ma in modo significativamente inferiore alle importazioni. Nel 2023 il commercio estero ha sostenuto chiaramente l’economia e si prevede che nel 2024 le esportazioni saranno già in crescita, grazie alla ripresa del commercio mondiale e alla buona competitività dei costi della Finlandia. Con la diminuzione della produzione, la domanda di lavoro diminuirà nel 2024, l’occupazione diminuirà temporaneamente e il tasso di disoccupazione salirà al 7,5%. Nel 2025 e nel 2026, la crescita economica sarà piuttosto forte e il numero di persone occupate aumenterà di quasi l’1% all’anno. La crescita dell’occupazione sarà sostenuta anche dalle misure del governo volte ad aumentare l’offerta di lavoro, la prima delle quali entrerà in vigore il prossimo anno.

Il debole sviluppo economico e la rapida crescita della spesa manterranno le amministrazioni pubbliche persistentemente in deficit

Le finanze pubbliche finlandesi stanno peggiorando. Si stima che nel 2023 il disavanzo pubblico sia pari al 2,5% del Pil. Il deficit aumenterà nel 2024 al 3,5% a causa della lenta crescita delle entrate fiscali, da un lato, e della rapida crescita della spesa, dall’altro. 

Anche le spese impreviste decise in precedenza, i grandi investimenti e il forte aumento dei prezzi e dei salari manterranno una crescita sostenuta della spesa nel prossimo futuro. Il disavanzo pubblico migliorerà fino a raggiungere il 3% circa del PIL nei prossimi anni man mano che le misure di aggiustamento intraprese del governo inizieranno a farsi sentire e l’economia e l’occupazione inizieranno a crescere verso la fine del periodo di previsione. 

Il disavanzo del governo centrale rimarrà sostanziale per tutto il periodo considerato e non si prevede un miglioramento nel settore municipale o nelle contee dei servizi sociali. Senza il sostanziale surplus dei fondi di previdenza sociale, il disavanzo pubblico della Finlandia sarebbe notevolmente più profondo. 

A causa dei disavanzi delle amministrazioni centrali e locali e della lenta crescita economica, il rapporto debito/PIL continuerà ad aumentare e, considerato il prevedibile sviluppo economico, non è sulla buona strada per diminuire.

(Le foto utilizzate sono da https://vm.fi/)