Salute in UE: Finlandia ed Italia con lunghe liste d’attesa e carenza di personale

Problemi comuni da Nord a Sud

Un recente rapporto mette a confronto lo stato sanitario e i servizi sanitari finlandesi con quelli di altri stati dell’UE e dei paesi nordici. Rilasciato dalla Commissione Europea, le aree di interesse del rapporto includono gli impatti della pandemia di Coronavirus e la salute mentale.

Anche se la Finlandia va bene sotto molti aspetti, ci sono sfide soprattutto nella disponibilità dei servizi sanitari. Nel 2022, il 65% dei finlandesi ritiene di essere in buona salute. Nell’UE nel suo complesso, una media del 68% delle persone ha avuto un’esperienza simile. La salute percepita dai finlandesi di età superiore ai 65 anni era chiaramente migliore rispetto alla media dell’UE. Tra i finlandesi di età superiore ai 65 anni, l’80% delle donne e il 73% degli uomini hanno riportato una buona capacità funzionale autopercepita. In Finlandia, come nell’intera UE, la salute percepita è la più scarsa nella classe di reddito più bassa.

Lo stile di vita dei finlandesi ha subito cambiamenti sia positivi che negativi. Negli anni 2000 il numero di fumatori giornalieri e il consumo totale di alcol in Finlandia sono scesi al di sotto della media UE. D’altro canto, l’obesità tra le persone in età lavorativa sta diventando sempre più comune. “Esistono già notevoli problemi sociali causati dall’aumento di peso nella nostra popolazione.

Una preoccupazione particolare è che quasi un adulto su due soffre di obesità addominale, particolarmente dannosa per la salute. L’obesità è comune anche tra i bambini e i giovani, ma il tasso crescente di obesità sembra essersi stabilizzato negli ultimi anni”, afferma Annamari Lundqvist , ricercatrice capo presso l’Istituto finlandese per la salute e il benessere (THL).

Un finlandese su sei soffre di problemi di salute mentale. Depressione, ansia e abuso di sostanze sono i problemi più comuni legati alla salute mentale. I sintomi della depressione sono più comuni tra le donne che tra gli uomini in Finlandia e nell’UE nel suo insieme. Durante la pandemia di coronavirus è aumentata soprattutto l’ansia vissuta dalle giovani donne. Tuttavia, la relazione della Commissione prende atto degli sviluppi positivi del programma finlandese volto a combattere il suicidio e i problemi di salute mentale.

Lunghi tempi di attesa

Nel 2021, la spesa sanitaria rappresentava circa il 10,3% del PIL in Finlandia. È inferiore dell’11,0% alla media dell’UE e inferiore a quello degli altri paesi nordici, sebbene sia cresciuto di un punto percentuale nel 2021. Le famiglie pagano di più per i servizi sanitari in Finlandia che in altri paesi nordici, in particolare per medicinali e cure dentistiche. 

Nel 2022, la percentuale di finlandesi che hanno segnalato bisogni di assistenza medica insoddisfatti era quasi tre volte superiore (6,5%) rispetto alla media dell’UE (2,2%). La differenza rispetto agli altri paesi nordici era ancora maggiore.  

“Le differenze socio-economiche sono preoccupanti. In Finlandia, quasi una persona su dieci nella fascia di reddito più bassa ha riferito di bisogni di assistenza medica insoddisfatti. Questo numero è 4,5 volte la media dell’UE”, nota Ilmo Keskimäki, docente al THL. I problemi relativi alla disponibilità dei servizi sanitari in Finlandia sono legati soprattutto ai lunghi tempi di attesa, che per le procedure non urgenti sono diventati più lunghi soprattutto nel 2021-2022. Nell’ambito del piano di ripresa e resilienza della Finlandia sostenuto dall’UE, vengono stanziati finanziamenti speciali per migliorare l’accesso ai servizi sanitari. 

L’aumento degli appuntamenti a distanza ha migliorato la disponibilità dei servizi di assistenza ambulatoriale durante la pandemia di COVID-19. L’aspettativa di vita è stata influenzata dalla pandemia di Coronavirus ed è ora di 81,2 anni, ovvero sei mesi in più rispetto alla media dell’UE. L’aspettativa di vita in Finlandia è cresciuta più rapidamente rispetto alla media dell’UE nel periodo 2010-2019, ma è diminuita di quasi 11 mesi durante la pandemia di coronavirus. Questo cambiamento è avvenuto soprattutto nel 2022. La diminuzione è stata la maggiore in cinque decenni e maggiore della media di altri paesi dell’UE. 

“La popolazione finlandese è più anziana di quella degli altri stati dell’UE e dei paesi nordici. La malattia da coronavirus ha aumentato la mortalità soprattutto tra gli anziani, il che spiega la diminuzione dell’aspettativa di vita durante la pandemia di coronavirus. Le persone morte di coronavirus avevano in media 87 anni nel 2022”, afferma il professore di ricerca THL Mika Gissler. Rispetto alla media dell’UE, la Finlandia registra un minor numero di morti premature che possono essere prevenute con uno stile di vita sano e diagnosticando e curando malattie gravi in ​​una fase precoce. Soprattutto lo screening del cancro viene realizzato molto meglio in Finlandia rispetto alla media dell’UE. Tuttavia, ci sono più morti premature in Finlandia che negli altri paesi nordici e nella maggior parte dei paesi dell’Europa occidentale.

Le cause di morte più comuni in Finlandia sono le malattie cardiovascolari e i decessi legati all’alcol. Il numero dei suicidi è diminuito, ma è ancora ben al di sopra della media europea.  

Carenza di dipendenti nel settore sanitario

Il rapporto pubblicato dalla Commissione descrive anche la carenza di dipendenti nel settore dell’assistenza sanitaria e dell’assistenza a lungo termine, nonché le difficoltà dei datori di lavoro nell’assumere personale come medici, infermieri e assistenti domiciliari. Il rapporto rileva che la Finlandia ha meno medici rispetto alla media dell’UE, ma chiaramente più infermieri.

“Per alleviare la carenza di personale nell’assistenza sociale e sanitaria e nei servizi di soccorso, il Ministero degli affari sociali e della sanità ha lanciato il programma Buon lavoro, che comprende misure sia a lungo che a breve termine. Tra le altre cose, il programma chiarisce la divisione dei compiti tra il personale e riduce i compiti non necessari, migliora l’attrattiva e il tasso di fidelizzazione del settore e aumenta l’istruzione nel settore”, afferma Taina Mäntyranta, direttrice del programma presso il Ministero degli affari sociali e della sanità. 

Non è difficile notare come le problematiche di carenza di personale sanitario e le lunghe attese o liste di attesa siano problemi comuni ad Italia e Finlandia

(Foto del titolo da studypk.com. Per tutte le foto, siamo pronti a far fronte alle richieste di diritti)